3 agosto 2011

Moulin Rouge

Posted in Amore, Drammatico, Film, Musical tagged , , , , , , , , , , , , a 00:46 di tridora89

Lo stile di Baz Luhrmann inconfondibile in ogni sua pellicola, è sempre sorprendente! Tutti i film di questo regista sono originali nella regia e nel montaggio frenetico e allo stesso tempo commuovente, fresco, sempre molto brillante. “Moulin Rouge” poi ha una colonna sonora bellissima poiché è un misto di tutte canzoni conosciutissime, dai Nirvana, passando poi per Elton John, per arrivare a Madonna e infine i Queen. Un cast magnifico inoltre, impossibile non prenderlo in considerazione: una Nicole Kidman e un Ewan McGregor che se la cavano perfettamente anche nel canto.

 Una storia d’amore, è ovvio. Tra la più bella cortigiana del Moulin Rouge e uno scrittore squattrinato pronto a scrivere lo spettacolo del secolo: Spettacolo Spettacolare. Si svolge nel 1899 in piena rivoluzione Bohémien con i classici principi di Libertà, Bellezza, Verità e Amore. Una storia impossibile e commuovente. Ciò che resta impresso sono i colori così brillanti e vividi, i personaggi ben caratterizzati in ogni minimo dettaglio. Tutto bello, anche troppo troppo bello! Per tutti quelli che amano i musical è sicuramente imperdibile.

 Il bello degli amori impossibili è proprio che nascono tra persone diverse, spesso di diversi ranghi sociali, diverse idee, diverse famiglie. Lui si innamora di una prostituta, una donna che è di tutti e di nessuno, e le regala per una sola volta l’ebbrezza dell’essere innamorati. “Quando l’amore si dà al migliore offerente non può esserci fiducia e senza fiducia non c’è amore”. Purtroppo è così, però è anche vero che l’amore supera ogni ostacolo. E poi una storia senza ostacoli non è una storia come si deve, no?

Battuta preferita:

“Mi sento completa qui avvolta nel tuo calore. E per ogni tuo respiro provo amore. Perché dovrei continuare a sognare temendo il giorno in cui finiscono i sogni?”

29 luglio 2011

Walk the line

Posted in Amore, Biografia, Drammatico, Film tagged , , , , , , , , , , , , , , , a 00:58 di tridora89

Il potere che ha una bella canzone è impareggiabile. Peccato che spesso le persone lo dimentichino. Quello che possono farti sentire delle semplici note, miscelate a parole, e sangue e fiato è… indimenticabile. Peccato che spesso le persone non sono davvero in grado di comprenderlo, perché certe cose le capisci solo se le vivi. Quello che può fare la musica è infinito. Fortunatamente il mondo lo capisce, almeno questo.

 “Walk the line” racconta la vita di Jonny Cash, dall’infanzia, per arrivare al successo, alla caduta e infine alla rinascita. È un film che parla di amore, anche. Perché, si sa, nella vita di un grande uomo c’è sempre stata dietro una grande, grandissima donna. La sua musa si chiamava June Carter. Per buona parte del film stai lì convinto che succederà per forza qualcosa tra i due, sono quelle classiche cose che iniziano con una bella lettera “i”. Inevitabili. Ed è vero, scontato, cronico, e succede. Ma in un modo così dolce, inusuale, che quasi si stenta a capire dove inizi, e dove finisca. Che si amano lo si capisce da subito, che lei è la donna dei suoi sogni, lo spettatore lo sa già, come sicuramente lo sapevano anche loro nella vita vera, sapevano di essere fatti l’uno per l’altra. Ma la vita, non sempre ti offre la possibilità di realizzare i tuoi sogni all’istante. Passano mesi, anni addirittura e infine, ti dà quell’occasione finalmente. E in tutto questo tempo che credi di aver perso, invece hai costruito l’idea di un sogno e poi hai l’opportunità, rara, di realizzarlo. Se insegui una cosa per così tanto tempo, non lasci a nessuno portartela via.

 Di questo film è bello questo. La figura di lui che la vuole a tutti i costi. Lei, così sfuggente e ferma nelle decisioni, ma sua comunque e sempre sua amica. Vicina come solo una donna amorevole può essere. Perfino quando tutto andava a puttane, perfino contro la droga, la tristezza, la vita che ti sfugge all’improvviso tra le dita… perfino in quel momento, c’era lei, sempre e solo lei. Poi essere un musicista, chi non è del mestiere non comprende mai fino in fondo, e forse loro erano una coppia vincente anche per questo. Si comprendevano, in tutto. L’emozione di salire su un palco non si può descrivere a parole. Sentire le note uscire dalla tua chitarra non è una cosa che si riesce bene a spiegare. Chi non lo sa, si perde un pezzo di quella persona, perché quando canti o suoni o balli, la musica ti regala qualcosa che nessun altro può. Peccato per tutti quelli che non hanno la musica nel cuore.

 La scena più bella in assoluto è quando lui le chiede di sposarla sul palcoscenico, durante una loro esibizione. E alla fine… Non ve lo dico va’… Godetevelo!

Battuta preferita:

“Perciò ho imparato ad essere spiritosa, per avere qualcosa da offrire.”

21 ottobre 2010

New moon – The Twilight Saga

Posted in Amore, Film recenti tagged , , , , , , , , a 23:55 di tridora89

Ci sono dei giorni nella vita di ogni persona che sembrano infiniti, sembrano durare anni, secoli… Tutto questo succede quando soffriamo per qualcuno. Ci sono poche volte in cui nella vita ci si ferma per un attimo il cuore, ci sobbalza in gola all’improvviso, a volte capita per un bacio molto bello, per un abbraccio inaspettato, altre volte invece quando attendiamo risposte sgradevoli, ci sale dritto in gola e ci sentiamo mancare il fiato. Come se ci avessero dato un pugno dritto nello stomaco. E non ha niente a che vedere con il dolore fisico, è più profondo, immediato e caldo, ci sale nel petto e poi rimane incandescente come se avessimo ingoiato lava. Poi il nodo in gola si scioglie, deglutiamo, e continuiamo a respirare. Eppure è semplice. Il segreto di ogni giorno è continuare a respirare. Non possiamo controllare il nostro cuore che batte all’impazzata, o quando il nostro stomaco viene stretto in una fredda morsa. Possiamo solo chiudere gli occhi e continuare a respirare. E i giorni passano prima o poi… Respiro dopo respiro…

Vi parlo di “New Moon” anche se è il secondo della Saga di Twilight perché è quello che mi è piaciuto di più. Leggendo il libro e vedendo il film, specialmente per la prima parte, quando Bella Swan viene lasciata da Edward Cullen il suo vampiro; ho sentito dolore, sapendo quello che si prova, e l’ho sentito dentro come una tempesta. Raggomitolarsi nel letto cercando il calore del proprio corpo perché fuori non c’è nulla che riesca a scaldarti. Ma i giorni passano, mentre continui a respirare a fatica. Nessuno pur provando dolore smetterà mai di respirare, nessuno tratterrà il fiato fino a morire soffocato. Non importa quanti respiri serviranno un giorno inspirando l’aria, come un’epifania penserai: “Ehi oggi sto un po’ meglio!” passeranno altri giorni, altri respiri e starai a poco a poco meglio ancora. Poi ad un certo punto, ti accorgerai che il cerchio di fuoco che avevi nel petto, blu scuro come la rabbia, si sarà dissolto. E sorriderai per la prima volta dopo tanto tempo guardandoti allo specchio per un istante. E da quell’istante il tempo comincerà a scorrere veloce come prima.

O almeno spero sia così che succeda. Anche se Edward non dovesse tornare.

Battuta preferita:

“È facile scappare da qualcuno di cui hai paura, o tentare di combattere qualcuno che odi… Ma se ami chi ti sta uccidendo, non hai alternative.”

 

19 ottobre 2010

Eternal Sunshine of the spotless mind

Posted in Amore, Drammatico, Film tagged , , , , , , a 14:43 di tridora89

Se aveste la possibilità cancellereste una persona dalla vostra mente? Come se non fosse proprio mai esistita? Immaginate di poter cancellare per sempre un/una vostro/a ex che vi ha lasciato, sareste disposti a perdere non solo quella persona, ma anche tutti i ricordi sia belli che brutti passati insieme? In “Eternal sunshine of the spotless mind” è possibile! In italiano questo film si intitola “Se mi lasci ti cancello” però mi rifiuto categoricamente di stravolgere un titolo in lingua originale tanto bello e ricco di significato. Beati gli smemorati… sarà davvero così? E’ una frase stupida secondo me, un po’ come dire beati i pazzi perché vivono nel loro mondo fatato! Beati per cosa? I ricordi sono l’unica cosa che abbiamo, l’unica cosa che ci resta per ricordarci il tempo che abbiamo trascorso, l’unica cosa che ci resta quando ci voltiamo indietro. In un certo senso sono una fan del dolore, provare dolore per amore serve, ci fa crescere, ci fa capire, ci fa sperare in un domani diverso. E insieme al dolore che si prova per una persona ci sono anche tutte le altre cose che ci hanno fatto innamorare, momenti passati insieme, risate, abbracci, baci… Di una persona non possiamo avere sempre solo il meglio o il buono, sono del parere che sia meglio soffrire per qualcuno che non averlo mai conosciuto, meglio soffrire che voltarsi indietro e non avere nulla a cui aggrapparsi. Vale la pena farsi sommergere dal dolore in cambio dei ricordi!

Ho cominciato a considerare Kate Winslet da quando l’ho vista interpretare Clementine in questo film, affiancata da un Jim Carrey solitario e introverso. Una Kate Winslet carismatica, fuori dall’ordinario, lunatica e un po’ fuori di testa, che ogni volta ha i capelli di un colore diverso. Adoro i look un po’ trasandati, con il colore sbiadito, non acconciati in alcun modo, e con l’accenno di ricrescita. Al suo contrario non ho mai un look trasandato, mi piace scegliere gli accostamenti giusti, mi piace avere il colore a posto e l’acconciatura più o meno in ordine; ma per quanto riguarda il colore dei capelli sono esattamente come lei! E’ più forte di me, non posso fare a meno di cambiare sempre look ai miei capelli! Adoro tagliarli, farli crescere, cambiargli colore, ritagliarli di nuovo, sconvolgerli di nuovo… Mi piace essere sempre diversa! E quando esco finalmente dal mio parrucchiere di fiducia, mi sento un po’ nuova per così dire, vado a farmi i capelli quando so che diventa necessario cambiare un po’ di me, quando voglio lasciarmi qualcosa alle spalle, o semplicemente quando ho bisogno di guardarmi allo specchio e scoprirmi di nuovo. Non è una questione di meglio o peggio, non è questo quello che conta, conta solo che in quel momento voglio cambiare. Succede così, all’improvviso, mi sveglio la mattina e dico: “Ora voglio essere viola” è esattamente quello che ho pensato qualche giorno fa, e l’ho fatto, la mattina dopo ero seduta dal parrucchiere davanti allo specchio con le cartine di carta stagnola in testa. E quando sono uscita da lì ero felice! Realizzata!

In ogni caso, non credo sia possibile (come ci dimostra il film stesso) cancellare una persona dalla nostra mente, perché le esperienze e i ricordi, in fondo sono parte della nostra crescita e da quelli non si può tornare indietro. Si può dimenticare, questo si, almeno per un po’, si può dimenticare quanto una persona ci abbia ferito, o quanto ci abbia fatto battere il cuore, ma cancellare proprio non è possibile. Poi ritornano all’improvviso, ritornano… Per quanto tu possa fuggire lontano non potrai mai scappare dalle tue emozioni che ti seguiranno sempre ovunque tu andrai.

Battuta preferita:

“Io non sono solo un’idea, Joel, ma una ragazza incasinata che cerca la sua pace mentale, non sono perfetta.

“Non riesco a vedere niente che non mi piaccia in te, ora non ci riesco.

“Ma lo vedrai, ma lo vedrai! certo col tempo lo vedrai, e io invece mi annoierò con te, mi sentirò in trappola perché è cosi che mi succede!”

7 ottobre 2010

(500) giorni insieme

Posted in Amore, Commedie, Film tagged , , , , , a 02:30 di tridora89

Già dalla prima volta che ho visto “(500) giorni insieme” mi è piaciuto da impazzire! L’ho visto all’università in anteprima assoluta, una gentile concessione della 20th Century Fox. Ero con delle mie amiche che studiano in facoltà ed è stato divertente commentare insieme mentre il film scorreva, una specie di evento privato. Ho adorato questo film dalla prima all’ultima scena, forse perché è completamente inaspettato e ogni volta sei catapultato in giorni diversi della vita del nostro protagonista. Eh già, perché tutto il film si svolge nell’arco di 500 giorni dal primo giorno in cui Tom incontra quella che crede la donna della sua vita Sole (in lingua originale si chiama Summer e il film si intitola “(500) days of Summer” in pratica un gioco di parole), fino al giorno 500. Ma non pensiate che i giorni siano mostrati in ordine cronologico! Sarebbe troppo semplice, no? E’ lo spettatore che deve creare la mappa degli eventi e saper abilmente incastrare i pezzi del puzzle per ricostruire l’intera storia. La cosa interessante in effetti è proprio questa: da un giorno tanto felice, ti ritrovi in uno infelice che capita parecchi giorni dopo quello che hai appena visto! Il trucco è il contrasto, il dolce e l’amaro che si susseguono continuamente per darci l’idea dell’instabilità della loro relazione.

Mi è rimasto impresso uno sguardo. Un solo sguardo di Sole, quando subito dopo aver baciato di sua iniziativa Tom, lo guarda per un istante e mentre lui sembra elemosinare ancora un bacio, lei distoglie lo sguardo e si allontana come se nulla fosse. Quando l’ho visto quella prima volta all’università, mi ha fatto ridere, l’ho trovato comico in quell’ambito, ma rivedendolo, mi sono resa conto, che non c’è proprio niente di comico poiché nella vita accade esattamente questo quando due persone si accorgono di provare attrazione l’una per l’altra: c’è esitazione, si fanno passi indietro, o troppi in avanti, e si resta comunque in bilico, senza saper bene cosa puoi o cosa non puoi proprio permetterti di fare. E’ eccitante e disarmante allo stesso tempo, e di nuovo il dolce e l’amaro si contendono la scena: per un attimo pensi “E’ fatta! Si sono baciati!” e poi c’è quello sguardo che sembra smentire tutto.

La scena che porto come emblema dell’amore appena sbocciato in assoluto, è quella dove loro stanno facendo un giro per l’Ikea. Fingono di essere marito e moglie e si divertono a far finta che le stanze siano tutte loro, scherzano sul fatto che i rubinetti non funzionano, o che c’è una famiglia cinese nella “loro” camera da letto. All’inizio di una relazione è sempre così, tutto è fresco e divertente, non si pensa a nessuna conseguenza perché si sta bene e basta: questo è quello che io considero l’innamoramento vero e proprio. Ma quando cominciano i primi dissapori in una storia, diventa tutto meno tollerabile, meno puro, più appesantito dalle diverse direzioni che vogliamo intraprendere rispetto al partner, ritorniamo ad essere egoisti.

Ed è lì, proprio in quel momento, che arriva l’amaro.

Battuta preferita:

“Basta confesso. Adesso è ufficiale. Sono innamorato di lei. Amo il suo sorriso, i suoi capelli, le sue ginocchia, quella piccola voglia a forma di cuore che ha sopra il seno. Amo il modo in cui ogni tanto si inumidisce le labbra prima di parlare. Amo la sua risata, l’espressione che ha quando dorme… Amo il fatto che sento questa canzone ogni volta che penso a lei. Amo quello che provo quando le sto accanto, quella sensazione che tutto sia possibile, insomma, che la vita meriti di essere vissuta.”

29 settembre 2010

Closer

Posted in Amore, Drammatico, Film tagged , , , , a 00:05 di tridora89

Ho comprato “Closer” perché mi ha colpito quello che c’era scritto sul dvd “Chi ama a prima vista tradisce ad ogni sguardo”. Non avevo idea di che parlasse e nemmeno mi sono interessata di leggere la trama, l’ho comprato solo per quella frase.

E’ stato uno schiaffo in faccia, uno schiaffo in pieno viso. Crudele, senza cuore. Si parla di amore, ma dell’amore io non ho visto niente. Si parla di tradimento, ma non si vedono scene che lo confermino. Nessuno dei quattro personaggi (due donne e due uomini) in fondo sa che cosa significhi amare davvero una persona, nessuno di loro sa di cosa stia parlando. Solo uno di loro rimane coerente con se stesso dall’inizio fino alla fine. E’ l’unico che sa veramente ciò che vuole, è decisamente il personaggio migliore. Lo stratega, quello che poi vince sul serio.

Mi è piaciuta da impazzire la prima e l’ultima scena in particolare, sulle note di “The blower’s daughter” dove Alice cammina per la strada tra la gente e viene guardata per la prima volta da Dan all’inizio del film. Ha i capelli rossi e corti sparati dappertutto, indossa un cappotto con il pellicciotto e cammina sicura. Nell’ultima scena c’è sempre lei che cammina tra la folla, ha i capelli castani mossi dal vento, indossa una maglietta bianca leggera, ma stavolta non è Dan a guardarla, ma uno sconosciuto dei tanti a cui lei non fa nemmeno caso. Mi fa pensare a tutte quelle persone che si immaginano di incontrare l’amore della propria vita in mezzo ad una strada. Da piccola lo pensavo anche io, mi chiedevo che faccia dovrebbe avere l’uomo della mia vita? Se lo incontrassi in mezzo alla strada capirebbe che sono la persona giusta per lui? Ma secondo me uno sguardo solo non basta veramente per capirlo, ci vuole anche un sorriso, e ancora uno sguardo, e ancora un altro sguardo, e un altro ancora… Poi potrai dirlo davvero: solo l’uomo giusto per me potrebbe guardarmi in questo modo, perché è proprio il modo che preferisco!

Battuta preferita:

“Ho visto questa faccia. Questa…visione quando sei scesa dal marciapiede, è stato il momento della mia vita. Eri perfetta. Andando all’ospedale ti ho baciata sulla fronte, il tassista mi ha visto baciarti e ha chiesto: è sua? E io ho detto: Si, è mia… E’ mia…”

26 settembre 2010

Un matrimonio all’inglese

Posted in Amore, Commedie, Film tagged , , , , a 15:08 di tridora89

Consigliata della mia amica A. mi sono vista “Un matrimonio all’inglese”. Si presenta come una commedia fredda ma frizzante perfetta per l’umorismo inglese, forse ha persino una storia un po’ banale: la dolce sposina che si ritrova tra le grinfie di una suocera senza cuore. Poi si trasforma in qualcosa di un po’ più profondo. Cos’è l’amore vero? Cosa sareste disposti a fare per la persona amata? Ma soprattutto perché in un dato momento della nostra vita una persona è assolutamente perfetta per noi, mentre se l’avessimo conosciuta in un altro momento non sarebbe andata bene e non l’avremo nemmeno considerata?

E la bella americana scelse John come marito perché era giovane e pieno di aspettative, perfetto per una donna che ha avuto un matrimonio triste alle spalle con un uomo malato più grande di lei. In quel momento il giovane John era perfetto per la bella Larita!

E’ una commedia che aspetta, poiché la sposa sta sempre ad aspettare davanti alla finestra. Fuma e aspetta. E’ come se aspettasse gli eventi compiersi, come se osservasse gli altri muoversi intorno a sé. Sempre lei sola, che fuma e aspetta. In un dialogo con il suo nuovo marito dice tra le lacrime: “Avresti dovuto amarmi meglio.” Una frase che mi è rimasta incastonata nella testa per qualche minuto. Si, forse lui avrebbe potuto amarla “meglio”, ma nessuno sa come si ama abbastanza o alla perfezione, ognuno ama come può, ognuno ama come sa amare. Il modo di concepire l’amore non si può cambiare nell’altro! Bisogna solo trovare una persona che ci ami come ci piace essere amati.

Sembra così facile, no?

Battuta preferita:

Tu non sai cos’è l’amore. Non hai idea di cosa significhi amare qualcuno al punto di fare qualsiasi cosa per l’altro. Perfino iniettargli del veleno quando è troppo debole per farlo da solo. Non credo che tu avresti mai potuto amarmi così.”