17 ottobre 2010

Benvenuti a Zombieland

Posted in Commedie, Film, Umorismo tagged , , , , , , a 08:06 di tridora89

Il mondo è invaso (indovinate un po’) dai soliti simpaticissimi zombie che vorrebbero teneramente abbracciare e coccolare ogni essere ancora appetitoso in circolazione. Potrebbe non sembrare una novità, ma questo non è il tipo di film che vuole per forza mettere angoscia e paura, anzi! E’ una commedia (udite udite, l’argomento zombie può essere anche divertente ogni tanto), è un road movie, e fornisce utilissime regole per sopravvivere ad un assalto di zombie (meglio essere prudenti, non si sa mai…). In un mondo deserto, dove non solo ci sono pochi zombie, non come siamo abituati di solito, ma anche pochi umani, ogni sopravvissuto cerca la via per la felicità o semplicemente una vita che somigli anche vagamente ad una normale. Un mondo anarchico dove le ragazzine di 12 anni sparano con il fucile, dove la gente può introdursi senza permesso nelle case dei vip senza venire massacrata dalle guardie di sicurezza, dove uccidere i non morti e sopravvivere a tutti i costi è diventato uno stile di vita. Insomma, “Benvenuti a Zombieland”! Dove anche i pagliacci potrebbero essere una minaccia!No aspetta, questo era già stato fatto.

Per certi versi potrebbe sembrare divertente, entrare in un negozio e distruggere tutto solo per il gusto di fare casino, tanto a nessuno interessa. Oppure rubare la macchina a dei poveri sprovveduti fingendosi donzelle in difficoltà. O ancora meglio, uccidere gli zombie nel modo più divertente possibile. C’è chi preferisce buttargli un pianoforte addosso, o chi ama il martello per giocare al lunapark, o chi si arrampica per sparare con la mitragliatrice. Il mondo perfetto per Indiana Jones o Chuck Norris, no?

E in più per continuare a restare umano, basta seguire le regole di sopravvivenza, come ad esempio: allacciare le cinture di sicurezza in macchina, avere uno stile di vita sano senza chili di troppo, non lasciare mai il vostro fucile nemmeno quando siete nel cesso… Roba semplice! Ma quella più importante a parer mio è la n°32: godetevi le piccole cose. Perché in un mondo dove niente ha più valore, si può trarre piacere solo dalle cose piccole per non andare completamente fuori di testa, anche se ciò significa andare in giro a cercare merendine non disponibili in commercio.

Battuta preferita:

“Siamo tutti orfani a Zombieland.”